ABOUT

IN DEEP WITH ERIC E. VAN MONCKHOVEN (MUSIC4YOU)– by Araceli Tzigane, Mapamundi Mùsica

Eric is a Belgian settled in Sicily, founder of the agency Music4you. He is one of the regulars at Womex and other events, so you might have met him.

The last time we met was in Brussels at the meeting of the European Folk Network, last November. He is the kind of profile with whom I can feel more or less identified: an independent agent working from a country of the South of Europe facing many difficulties and surpassing them with courage.

He contacted me in July with the idea of translating some of the content from Mapamundi Música’s monthly newsletter into the Italian in his new initative: World Music Lab Italy. I welcomed the idea with open arms and the first one has been the interview with Olivier Rey from Babel Music XP, that you can read here in English and now also here in Italian.

I am very happy that Eric wanted to share this content to make it easier for the Italian community of world music. And I though his World Music Lab Italy deserves more attention too. So find here below a little interview about it.

Mapamundi Música – What is WorldMusicLab?
Eric Van Monckhoven – World Music Lab is a combination of two concepts: World Music & Business Lab. Many artists, including those involved with world music (world, folk, roots, trad, ethnic, etc.), do not see their activity as a business. They don’t easily understand that accepting to become an entrepreneur or making a living with their music shall not automatically transform them into greedy capitalists. Very few artists make a living being only “creators”.If you’re not sponsored by someone or some institution, you need to access the market, distribute your products and services and sell them to be able to pay your bill at the end of the months. This is an integral part of today’s musician job. You can always dream that a label or an agent shall make the work for you, but this will not happen easily, unless you already have some reputation. And when it happens, if you don’t know anything about contracts, sales, production, etc. you might go the wrong way..

“Many artists, including those involved with world music, do not see their activity as a business.”

The main idea behind World Music Lab is to help artists become their own bosses, get acquainted with the business side of their activity and be able to create a blueprint that works for them. For us this means “education and training”.World Music Lab is still a very small baby. We have to assess the artists’ needs, and also test and validate the idea and concept. It all starts with Italy because I’m based in Sicily.

Mapamundi Música –  Why did it start?
EVM – It started during the covid-19 crisis. In March, I was in lockdown and I saw that I could not go anywhere with my activity as a booking agent. I had to look into a new direction that was not too far from what I’m doing as an agent. By experience, I know that artists do not get proper training in “musician business”. Most of the time, they have good artistic proposals (not always), but they don’t know how to market and sell them. In the end, much of my job has to do with coaching the artists with whom I’m collaborating, give them a blueprint to develop their career, and help them get to the next level.

In Italy, very little is done in such a direction. Of course, I might be wrong because I’m not involved that much with the music sector in Italy. But it looks to me that music schools do not train artists in the music business. There are some master courses at the university level, etc. but the approach is very academic and it’s not for everyone. I’ve always been interested in capacity building and action-learning. Action-learning tackles problems through a process of first asking questions to clarify the exact nature of the problem, reflecting and identifying possible solutions, and only then taking action.

“Much of my job has to do with coaching the artists with whom I’m collaborating, give them a blueprint to develop their career, and help them get to the next level.”

Italy is a big country and there is no true effort to support music creators at large. Some music genres are supported, but when it comes to world music, much is left to the artists themselves and the private initiative. Nothing to compare with what happens in France or Scandinavia, to say something.The year 2017 saw the birth of Italian World Beat (IWB), a new brand and platform to promote the Italian world music sector, in particular at regional and international events like Babel Med Music, Womex, Visa for Music, etc. The idea came from two music professionals who put their own money, contacts, and experience in the project to bring under one roof artists, festivals, venues, labels, etc. representative of the sector. The result was amazing and highly welcome by the international world music community.

However, much work still needs to be done in Italy to strengthen the sector, especially at the “grassroots” level with the artists. World Music Lab-Italy can be seen as a startup project of IWB, even if we have not formalized it yet because of the situation of emergency imposed by the novel coronavirus. But we shall meet soon and see what steps can be taken together to put the project forward.

Mapamundi Música –  What are the services that you offer?
EVM – At this pre-startup stage, we are offering a basic information service through our blog/website (beta version) and facebook page. We also have a monthly newsletter and we have published two mini-guides: the first one deals with the use of VirtualWomex and the second one is introducing the artists to the European showcase festivals, which are good places to market themselves, grow their list of contacts, etc. All the information is available in Italian because the use of English is a real barrier for many Italians.

Mapamundi Música –  What are the future plans?
EVM – We hope to become a training provider for world music artists (both online and offline), with a specific focus on business and digital education, and internationalization (music export). This of course does not mean that we’ll need to create all the courses and learning paths ourselves. We’ll have to build working partnerships with various stakeholders. There are already a lot of valid contents available on the internet produced by artists and professionals on how musicians can run their own business and benefit from various income streams. Here again, the main issue is the language. Most of what is available is in English.

“We’ll have to build working partnerships with various stakeholders.”

But without looking so far, our future plan is to run some workshops in various Italian cities to discuss the project with the potential beneficiaries, scout their needs, collect their ideas, and check their interest. We had planned to run such workshops earlier this year but the covid crisis has forced us to slow down our enthusiasm. And while many things can be done online, I believe strongly in face-to-face meetings.

We are also working on a short introductory course that shall explore some important issues: how the music industry is changing in the digital age? What does that mean for independent artists? How to build a personal brand? How to find a niche and grow a fanbase? Based on the participation in the introductory course, artists could choose to enter a kind of startup acceleration program or more conventional blended education programs on specific topic (music marketing & promotion, production, etc.).

.

Mapamundi Música –  Who are you and what else do you do (related to music)?
EVM – I’m originally from Belgium but I feel to be a citizen of the world. For almost 40 years I have helped local communities, social enterprises, non-profit organizations all over the world as an eco-social consultant and grant writer.

Besides that, I have always had a strong passion for music. But I’m not a musician. In every country I visited – in Africa, the Mediterranean, Finland, Canada, Brazil, Indonesia – I’ve been impressed by the diversity and richness of local cultural and musical traditions. I decided to bring my own contribution and started Music4You to promote some artists with whom I have a special feeling and affinity and find them gig opportunities. My motto is “Live Music with Roots”. Of course, this was before Covid-19.

Credits:

  • Portrait of Eric, provided by him
  • World Music Lab Italy logo, from the site at Facebook
  • Banner from the Facebook cover of Musci4you

APPUNTAMENTI ESTIVI IN SICILIA

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è venezia_sept08-151.jpgArriva l’estate e dopo 65 articoli, ci permettiamo una piccola pausa estiva. Saremo di ritorno dopo il 15 agosto con nuovi articoli, contenuti e risorse.

Intanto, per le news su eventi e progetti seguiteci sulla nostra pagina Facebook. Se vi servono servizi di consulenza o coaching, visitate il nostro sito web.

Per quanto riguarda gli appuntamenti dell’autunno (showcase festival, incontri professionali), visitate questo link. Sicuramente saremo al Womex che si svolgerà a fine ottobre a Porto e anche alla European Folk Network Conference che si terrà a Budapest a fine novembre. 

Potete sempre scriverci a: worldmusicalab.italia @ gmail.com

Saremo lieti di rispondervi.

A presto e buona ripresa!


APPUNTAMENTI ESTIVI IN SICILIA

Prima di lasciarvi, vi segnaliamo questi due importanti appuntamenti in Sicilia: 

Marranzano World Music Festival

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è marranzano-preludio.png

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è marranzano.png

Sito ufficiale | Pagina Facebook

Alkantara Festival

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alkantara-fest.jpg

Sito ufficiale | Pagina Facebook | Video ufficiale

Leggi l‘intervista al direttore sul nostro blog. 


Hai bisogno di una consulenza professionale per il tuo progetto musicale?  Vedi la nostra offerta di servizi e richiedi un preventivo

 

World Music Lab è un progetto 100% indipendente

Per sostenerci, leggi qui. Grazie!

RASSEGNA TOUSCOULEURS: NE PARLIAMO CON FABRIZIO VINCIGUERRA.

In Liguria, la rassegna Touscouleurs che si svolge ogni estate a Bordighera rimane un punto di riferimento per gli amanti di musica world/folk, e non solo. Ne parliamo con i suo direttore artistico, Fabrizio Vinciguerra. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 64563468_538872669982511_5226974181324750848_n.jpg

Buongiorno Fabrizio. Cosa ci racconti di bello sulla vostra rassegna estiva? 

La rassegna Touscouleurs, che si svolge ogni estate a Bordighera, è nata nel 2008 con pochissimi mezzi. Infatti, nelle prime edizioni siamo riusciti a presentare dieci  spettacoli con  soli 13.000 euro di budget, anche grazie alla gentile collaborazione con artisti e fonici che conoscevamo personalmente e che avevano accettato di prendere i rischi insieme a noi. Ancora oggi, non saprei come ringraziarli. 

Con il tempo, la rassegna ha attratto un pubblico sempre più numerose di appassionati e curiosi, anche grazie all’Amministrazione comunale che ha creduto nel progetto. Per ragioni logistiche, abbiamo poi spostato lo spazio della manifestazione da una piazza nel centro storico a un luogo incantevole sotto un enorme ficus che regala alla rassegna una scenografia unica

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è canzoniere-grecanico-salentino.jpg

L’obiettivo della rassegna è quello di invitare il pubblico a intraprendere un viaggio nel mondo della diversità musicale rappresentata dalle molte tradizioni culturali e artistiche ch ispirano artisti di tutto il mondo.  Programmiamo musiche che potremmo inizialmente percepire come lontane, ma che sono invece facilmente raggiungibili e comprensibili grazie al linguaggio di matrice popolare che accomuna le diverse culture. Sono musiche che riescono quasi sempre ad avvicinare emotivamente un pubblico variegato senza distinzioni di fasce di età o di tipologia sociale.

In breve, attraverso un’offerta di qualità cerchiamo, nel nostro piccolo, di educare il pubblico alla non-discriminazione. La musica non ha confini e crea ponti tra le varie culture e tra le persone. 

Quando si svolge la rassegna e cosa proponete?

La rassegna si svolge durante il periodo tra metà luglio e metà agosto, con sei appuntamenti distribuiti nel periodo. Abbiamo un focus sulla cosiddetta World Music – ma non solo. Puntiamo a presentare progetti musicali e artistici originali con organici strumentali prevalentemente acustici e arrangiamenti che richiamano alla musica popolare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dsc01748.jpg

Quali sono gli artisti nazionali e internazionali (alcuni nomi) che hanno partecipato? 

Dalla musica indiana con Federico Sanesi a quella del Madagascar con i Toko Telo, a quella etiope con gli Atse Tewodros, dal sud Italia con il Canzoniere Grecanico Salentino, la Paranza del Geco, gli Agricantus alle note di cantautorato di Francesca Incudine, Luca Bassanese, L’Orage e Sandro Joyeux. Il flamenco con influenze jazz di Antonio Lizana, il progetto Xena Tango con Roberta Alloisio e Armando Corsi tra Genova e Buenos Aires, gli Tsuumi Sound System dalla Finlandia, gli Himmerland dalla Danimarca, Les Poules à Colin dal Quebec, i Gabacho Maroc con il loro gnawa-fusion-afrojazz, Flaco Biondini, gli Gnu Quartet, Filippo Gambetta, l’Orchestra Bailam e poi le  presenze eccezionali di Moni Ovadia nello spettacolo “Senza confini” e la poesia dell’accordeon di Richard Galliano.

Quante persone si muovono intorno alla rassegna?

La partecipazione media ai nostri concerti è di circa 300 o 400 persone a serata, con punte che vanno da 700 a 800 per alcuni spettacoli, come è ad esempio successo nel caso di Moni Ovadia e Richard Galliano. Il nostro più grosso problema è quello di non poter pubblicizzare troppo alcuni spettacoli con nomi importanti. I spettacoli sono gratuiti e la capienza è purtroppo limitata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bordighera-fb.jpg

Accogliamo un pubblico eterogeneo, dai residenti locali ai turisti di passaggio. Siamo in Liguria e Bordighera è una località turistica dove la gente ama trascorrere le vacanze. Nel corso degli anni, Touscouleurs ha dimostrato di essere un punto di attrazione in più nell’offerta complessiva di turismo. 

Come procedi per la programmazione?  

Inizio la programmazione a gennaio/febbraio quando ho un’indicazione di budget. Poi verso aprile ho quasi finalizzato il tutto e posso confermare il programma della stagione. Accolgo tutte le proposte con alcuni criteri: musica acustica di matrice popolare, originalità del progetto, elementi di “contaminazione”, nuova uscita recente, ecc. In genere ricevo le proposte e il materiale via mail e trovo in rete video o audio da ascoltare. La sfida è sempre quella di poter offrire la massima qualità compatibilmente con il nostro budget – che può variare da un anno all’altro. In breve, si cerca di spendere bene le risorse disponibili. 

Quali sono i vostri partner principali, sia a livello organizzativo che economico? 

Dal punto di vista organizzativo e logistico ho trovato una grande disponibilità presso l’Ufficio della Cultura del Comune di Bordighera: Luca Moreno di un’efficienza e passione straordinaria e nella preziosa collaborazione di Dario Grassano che si è sempre gentilmente prestato nel ruolo di bravo presentatore, e infine dalla grande professionalità di Enrica Corsi per alcuni aspetti organizzativi e di Stefano Delle Piane per l’audio e luci.

Dal punto di vista economico la rassegna si avvalga esclusivamente del supporto dell’Amministrazione comunale che fino ad ora è sempre stata puntuale nella volontà di finanziare la rassegna.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è download.jpg

Cerco anche di collaborare con altri festival in Italia. L’idea è quella di vedere se riusciamo a programmare almeno uno stesso artista internazionale in tournée in Italia in quel periodo per ammortizzare le spese di viaggio che incidono sempre molto sui costi dello spettacolo.

Nelle ultime due edizioni di Touscouleurs siamo riusciti a presentare in coproduzione con il Perinaldo Festival un concerto con nomi importanti. Grazie al cofinanziamento di due rassegne siamo riusciti a invitare artisti come Moni Ovadia e Richard Galliano che sicuramente hanno dato lustro alla rassegna.

Quali sono le sfide che stai incontrando nel programmare la rassegna?

Non è sempre facile collaborare con altri festival per una programmazione condivisa. C’è spesso molta incertezza sull’ufficialità degli effettivi stanziamenti di fondi destinati ai festival. Ci sono amministrazioni che a febbraio danno la sicurezza di poter  realizzare degli spettacoli  e invece c’è anche chi aspetta fine maggio per dare certezze. Questo rende difficile questo tipo di collaborazione, e più in generale una buona programmazione. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1936211_106146819724_6007134_n.jpg

Se ci fosse più attenzione in questo senso, penso che si riuscirebbe ad abbattere i costi da circa 20%, lavorando meno e meglio dal punto di vista organizzativo. In Italia rimane purtroppo un’utopia riuscire ad agire tutti insieme in tempo utile. Nel nord Europa in autunno si finalizza la programmazione dell’estate successiva, mentre in Italia spesso si hanno certezze solamente due mesi prima dall’evento – quando tutto va bene. 

Quale è stato l’impatto del covid-19 sulle vostre attività? Come avete risposto?  

È  stato un disastro epocale con una totale incertezza sul da farsi e un taglio della spesa quasi totale sulla realizzazione degli eventi che ci ha portato alla cancellazione della rassegna. Speriamo meglio quest’anno e nel prossimo futuro. Non si può stare senza musica dal vivo. 

Segui Touscouleurs su Facebook


Hai bisogno di una consulenza professionale per il tuo progetto musicale?  Vedi la nostra offerta di servizi e richiedi un preventivo

 

CLASSIFICHE MUSICALI RADIOFONICHE E WORLD MUSIC: LA TRANSGLOBAL WORLD MUSIC CHART

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eucd2938-the-best-of-transglobal-world-music-chart-2020-various-artists.jpgLe classifiche musicali radiofoniche hanno ancora oggi un ruolo promozionale di prima importanza. Per chi fa musica world/folk esistono alcune classifiche di riferimento come la Transglobal World Music Chart (TWMC) o la World Music Charts Europe (WMCE).  Chi segue queste classifiche lo fa per “tifare” il proprio artista preferito (fan), o per scoprire nuovi artisti da seguire (operatori, media). Oggi parliamo della TWMC. 

Che cos’è la Transglobal World Music Chart?

L’idea della Transglobal World Music Chart (TWMC) è nata nella primavera del 2015 da una riflessione tra Ángel Romero di World Music Central, Araceli Tzigane di Mapamundi Musica e di Juan Antonio Vázquez di Mundofonías.

Oggi, la TWMC è una piattaforma transnazionale di radio dj, giornalisti, blogger, youtuber, influencer appassionati di musica world/folk che produce ogni mese, e a fine anno, una classifica delle migliori nuove uscite. La classifica è molto seguita, in particolare dagli operatori della filiera, come ad esempio rappresentanti dei media o promotori alla ricerca di nuovi artisti da presentare al loro pubblico. 

La TWMC accetta materiali (EP o album) da ogni parte del mondo, cercando di dare spazio agli artisti in base alla qualità e originalità delle proprie produzioni piuttosto che alla popolarità o al numero di vendite. Può anche presentare il proprio materiale un artista indipendente senza etichetta. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 180153299_3880589432039905_5541407992481380250_n.png

Come funziona?

I membri della giuria, che sono una sessantina, classificano i loro album preferiti tra le ultime uscite di world/folk music ricevute attraverso la piattaforma (modulo online) o i propri canali di comunicazione. Gli album più votati rientrano nella classifica mensile. Chi viene classificato in prima posizione avrà poi l’opportunità di avere un titolo dell’album classificato inserito nella compilazione annuale che produce la piattaforma a fine anno. 

Si può mandare il materiale sotto forma di CD o di cartella digitale, seguendo  delle linee guida molto precise.  

Quale materiale viene considerato? 

I prerequisiti per presentare il materiale sono i seguenti: 

  • L’album (che può anche essere un EP) deve essere di qualità professionale e della durata minima di 25 minuti 
  •  I generi musicali prescelti sono quelli della folk, world, roots music. Nuove uscite di tipo rock, pop, jazz o hip-hop sono escluse a meno che non abbiano un contenuto significativo correlato ai generi sopraindicati. 
  • Il materiale deve essere di recente produzione e uscita sul mercato, o avere una nuova uscita imminente.

Sono ammessi tutti gli album che soddisfano questi requisiti, incluse le compilation o riproposizioni di materiale storico. 

Va usato il modulo disponibile online sul sito della piattaforma per sottomettere il materiale. La lingua di comunicazione è l’inglese, anche se il materiale va presentato in lingua originale. 


Hai bisogno di una campagna promo presso la TWMC per la tua nuova uscita? Ti diamo una mano. Vedi la nostra offerta di servizi e richiedi un preventivo

 

TERZO APPUNTAMENTO DELLA EUROPEAN FOLK NETWORK: PRENOTA SUBITO IL TUO POSTO

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è missmusic.jpgIn tre articoli precedenti abbiamo parlato della neo-nascente European Folk Network per la promozione della musica folk e delle arti tradizionali in Europa. Il mercoledì 9 giugno si terrà online il terzo appuntamento primaverile per discutere del Manifesto della rete e del primo piano strategico. A novembre, pandemia permettendo, si svolgerà poi la seconda conferenza della rete a Budapest. Sono aperte le prenotazioni per l’incontro del 9 giugno, sia per i membri che per il pubblico interessato.


EFN Spring Forward #1 e #2

Il primo incontro online primaverile della European Folk Network ha visto il 15 marzo la partecipazione di circa 70 persone impegnate in vari paesi europei nella protezione, valorizzazione e promozione della musica e delle danze tradizionali, anche nelle loro forme più attuali e di contaminazione.

Si è tracciato il percorso implementato dalla prima conferenza di Bruxelles del mese di novembre 2019 che ha visto la realizzazione di una prima mappatura degli attori a livello europeo e l’attivazione della presenza online della rete attraverso l’attivazione della pagina e di un gruppo Facebook e la realizzazione del sito web.

Sono anche stati presentate la vision, mission e le prime linee guida di un percorso dinamico e aperto che vede crescere il numero di membri della rete. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è board-founders-efn.png

Nel secondo incontro del mese di aprile sono intervenuti cinque relatori di vari paesi (Regno Unito, Francia, Polonia, Serbia, Norvegia) per condividere la loro visione e la loro esperienza. Gli interventi sono stati alla base di discussioni in vari gruppi sul futuro della rete e i risultati delle discussioni sono servite a delineare alcuni punti condivisi che saranno inseriti nel Manifesto e nel Piano strategico triennale che saranno al centro delle discussione del terzo appuntamento. 

Ritrova alcuni degli interventi del secondo incontro qui di seguito:  

Leggi i nostri precedenti articoli:

EUROPEAN FOLK NETWORK: SPRING FORWARD #2

PARTECIPA ANCHE TU IL 15 MARZO: EUROPEAN FOLK NETWORK – SPRING FORWARD#1

EUROPEAN FOLK NETWORK: APPUNTAMENTI PRIMAVERILI PER FARE RETE

I membri attuali di EFN (aprile 2021)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è efn-conference-pic-1.jpg

  • VI.BE (fomerly Poppunt) (Belgium) Founding Member
  • English Folk Dance & Song Society (England) Founding Member
  • Trac Cymru (Wales) Founding Member
  • Melanie Scheys (Belgium) Founding Member
  • Trad Music Forum (Traditional Arts and Culture,Scotland) Founding Member
  • Folk Alliance International (USA, Canada & International) Founding Member
  • Nod Knowles (England) Founding Member
  • Tom Sherlock (Ireland) Founding Member
  • Geoff Cripps (Wales) Founding Member
  • Burnsong (Scotland) Founding Member
  • Mike Kamp (Germany) Founding Member
  • Chris Foster (Iceland) Founding Member
  • Feisean nan Gaidheal (Scotland) Founding Member
  • Chris Pentney/Sharper Than (England) Founding Member
  • Mapamundi Musica (Spain) Founding Member
  • WOMEX – Piranha Arts (Germany/International) Founding Member
  • alba KULTUR (Germany) Founding Member
  • Feis Rois (Scotland) Founding Member
  • Fragan (Belgium) Founding Member
  • Tempi (Denmark) Founding Member
  • Frank Reglin (Germany) Founding Member
  • Medigrecian (Greece) Founding Member
  • Muziekmozaiek (Belgium) Founding Member
  • English Folk Expo – EFEx (England) Founding Member
  • Hungarian Heritage House (Hungary) Founding Member
  • Musik over Praesto Fjord (Denmark) Founding Member
  • Francis Xavier Edwards (Ireland)  Founding Member
  • Finisterre (Italy)  Founding Member
  • FolkOrg (Norway)  Founding Member
  • World Music Forum NL (Netherlands) Founding Member
  • Muziekclub t’Ey (Belgium)
  • VZW Dranouter (Belgium)
  • Simon McKerrell (England)
  • Eric van Monckhoven (Italy)
  • Linkwadraat (Belgium)
  • Hangveto (Hungary)
  • Jo Freya (England)
  • Cigdem Aslan (England)
  • Jan Przadka (Poland)
  • Christian Pliefke (Germany)
  • Kenneth Day (Sweden)
  • Lauska (Latvia)
  • Creative Scotland (Scotland)
  • Associação Cultural Xarabanda (Madeira, Portugal)
  • Stoneyport (Scotland)
  • Henning Kuepper (Germany)
  • Jonathan Pearson/Islander (Ireland)
  • Anja Hovelmann (Germany)
  • Global Music Centre GMC (Finland)
  • Andrew Lambert (Ireland)
  • Halsway Manor (England)
  • The Celtic Art Gallery vzw (Belgium)
  • WOMUSK (Slovakia)
  • Ake Lundstrom (Sweden)
  • Jeroen Geerinck (Belgium)
  • Anna-Wendy Stevenson (Scotland)
  • Ward Dhoore (Belgium)
  • Ian A Anderson (England)
  • Hartwin Dhoore (Estonia)
  • Johanna Sauramaki (Finland)
  • Michele Manzotti (Italy)
  • Toernee Mondial (Belgium)
  • Andrew Cronshaw (England)
  • Nataliya Myazina/Russian World Music Awards (Russia)
  • Compagnie Macke-Bornauw (Belgium)
  • Mark Mulholland (France)
  • Folk Holidays Festival (Czech Republic)
  • Gudrun Walther (Germany)
  • RFoD – Riksforbundet for Folkmusik och Dans (Sweden)
  • Elena Leibbrand (Belgium)
  • Live Music Now Scotland (Scotland)
  • ‘t Smiske vzw (Belgium)
  • Muziekpublique (Belgium)
  • Folk Roskilde Lirum Larum (Denmark)
  • ALT PRODUCTions (Hungary)
  • Fira Mediterranea de Manresa (Catalonia)
  • Trad Ireland/Traid Eireann  (Ireland)
  • Marieke Van Ransbeeck (Belgium)
  • Sveriges Spelmans Riksforbund (Sweden)
  • Francis de Souza (Netherlands)
  • World Music Association of Serbia (Serbia)
  • Birnam CD Ltd  (Scotland)
  • Eric Sahlstrom Institutet  (Sweden)
  • CEMPER (Belgium)
  • Svavar Knutur Kristinsson (Iceland)
  • Colin Gillen (Ireland)
  • PROFOLK (Germany)
  • Angharad Jenkins (Wales)
  • Deschreve Music (Belgium)
  • Second to the Left (Denmark)
  • Darshan Associazione Culturale (Italy)
  • Liza Austin Strange (England)
  • Erling Olsen (Denmark)
  • LAG Folk Schleswig-Holstein (Germany)
  • Band On The Wall (England)
  • Bundesverband fur Deutsche Tanze (Germany)
  • Ciro De Rosa (Italy)
  • Piero Cremaschi (Italy)
  • FAMDT (France)
  • Valerio Corzani (Italy)
  • Le Nouveau Pavillon/Eurofonik (France)
  • Mazurkas of the World Association (Poland)
  • Kaustinen Folk Festival (Finland)
  • Ros Rigby (England)
  • Associazione Culturale Folkgiornale (Italy)
  • Martin Woodhead (England)
  • Niafunken SRL (Italy)
  • Saro Tribastone (Italy)
  • Italian World Beat (Italy)
  • Lorraine Carpenter (England)
  • Wales Arts International (Wales)
  • Mair Tomos Ifans (Wales)
  • Showcase Scotland Expo (Scotland)
  • Eisteddfod Genedlaethol Cymru (Wales)
  • Vincent Caruana (Malta)
  • Brian O hEadhra (Scotland)

Vuoi diventare socio anche tu (persona fisica o persona giuridica) ? Scopri di più

Prenota subito il tuo posto per EFN Spring Forward #3


Hai bisogno di una mano con il tuo progetto musicale? 

Scopri i nostri servizi 

 

LE BAL RITAL: LA WORLD MUSIC ITALIANA A PARIGI

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dsc_0174.jpgQualche anno fa, grazie a Luca Bassanese e al suo brano “La Ballata dell’Emigrante” ho conosciuto i fratelli Semeraro. In questa breve intervista parliamo con Francesco  di come emigranti italiani a Parigi e in Francia vivono la loro cultura e musica. 


Chi siete e come dalla Puglia vi siete ritrovati a Parigi? Parlateci  del vostro percorso?

Siamo due gemelli pugliesi, suonatori di musica tradizionale. Abbiamo sviluppato questa passione in famiglia e fra la gente dei nostri paesi e non avremmo mai pensato che, un giorno, sarebbe diventata la nostra vita.

Dopo aver svolto degli studi di cinema a Bologna le nostre strade si dividono: io, Francesco, decido di fare un’esperienza a Parigi, una città che da un qualche tempo mi incuriosiva e mi affascinava. Mi sono ritrovato da un giorno all’altro, a suonare nei caffè di Menilmontant con altri suonatori calabresi e riparare fisarmoniche in un atelier di Montreuil. Giovanni mi ha raggiunto un paio d’anni dopo.

Nasce il nostro gruppo Télamuré Tarantella Roots, con il calabrese Francesco Rosa a completare il trio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è caravane-ritale.jpg

Durante gli anni i nostri interessi ci hanno spinto a creare nuovi progetti e avviare varie collaborazioni, tra i quali:

  • Le Bal Rital, un evento dedicato alla musica e alla cultura popolare italiana;
  • la Fanfare Poilue, una sorta di banda di bassa musica in stile calabrese;
  • Orchestrina Fratelli Semeraro, un quintetto di canzone italiana ispirata alla musica dei night club degli anni 50
  • e per finire Disco Rital, una dj-set informale in cui ci divertiamo a condividere la nostra collezione di vinili italiani ritrovati esclusivamente nella banlieue parigina.

Per gestire il tutto, abbiamo creato un’associazione culturale legalmente registrata in Francia: Caravane Ritale.

Come è la situazione in Francia per la musica folk/world italiana? Esiste una domanda per questa musica ? In quale tipologia di circuiti? 

In Francia la musica folk Italiana, a differenza di altri stili di “musique du monde” molto diffusi e che negli anni hanno creato delle vie e proprie tendenze ( la musica balkan, il  forrò brasiliano, la cumbia etc.) é ancora poco conosciuta, ed in ogni caso in modo abbastanza superficiale.

Sicuramente una delle difficoltà consiste nella sua estrema molteplicità di stili derivante dalla frammentazione culturale tipica delle nostre regioni, il che la rende ostica ad un pubblico poco specializzato. Forse è per questo motivo che la richiesta resta spesso relegata a circuiti di musica “trad” e ai festivals più “illuminati”  di musique du monde. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è carte-da-parati-drapeau-france-parigi-tour-eiffel.jpg.jpg

Bisogna dire che in Francia, fortunatamente, la cultura é ancora molto valorizzata a differenza  di altri paesi , tra i quali il nostro. Ciò ha reso possibile una proliferazione di eventi musicali organizzati dalle collettività locali ed associazioni culturali molto attive.

Siete all’origine del Bal Rital? Com’è nato il progetto? Come si è sviluppato nel tempo? Quali artisti avete ospitati? Come si finanzia il progetto? Quali sono (state) le sfide maggiori?

Io e Giovanni siamo gli ideatori e gli organizzatori de “Le Bal Rital”, un evento dedicato alla musica, alla cultura ed alla cucina popolare italiana. 

Il progetto è nato dalla nostra passione per la “festa” intesa come momento aggregativo di una comunità, in cui il pubblico possa sentirsi partecipe e non semplice spettatore di quello che avviene, come in una festa di paese. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bal-rital-1.jpg

L’evento nasce a Montreuil, alle porte di Parigi, secondo modalità nostrane: prima si  cucina per tutti, aiutati dai nostri instancabili amici, e, posati mestoli e padelle s’impugnano i strumenti e si suona fino a notte fonda in un’atmosfera festiva e conviviale. 

Nel tempo abbiamo iniziato a condividere questi momenti con altri artisti, residenti in Francia o invitati direttamente dall’Italia. La cucina, organizzata in modo associativo, ci ha permesso di autofinanziare il progetto mentre l’interesse crescente per il concetto ci ha permesso di sperimentare luoghi culto della musica world a Parigi, come il Cabaret Sauvage, e sale riconosciute per la loro programmazione di qualità, come la Marbrerie di Montreuil nella quale attualmente si svolge Le Bal Rital.

Vi state preparando per la ripartenza con un nuovo progetto “La Follia”? Cosa potete dirci al riguardo? A che punto siete con la campagna di crowdfunding?

La nostra ultima sfida è La Follia, e forse non è un caso che si chiami proprio così’! Da tempo c’era nell’aria la volontà di dare un luogo fisico alle nostre passioni ed alla voglia di condividerle con gli altri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lafollia.jpg

Quando si è presentata l’occasione di insediarsi in una casa a Montreuil, in una delle stradine più antiche e popolari della città, dotata di  spazi ridotti ma interessanti in cui poter creare “qualcosa” ( tra cui una terrazza sulla stradina pedonale ed un piccolo cortile segreto) non ci abbiamo pensato due volte: nasce La Follia, intesa come prolungamento ideale della nostra cucina di casa in cui abitualmente condividiamo momenti di musica e convivialità con i nostri amici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è raccolta.jpg

Abbiamo quindi lanciato una campagna di crowdfunding per finanziare parte del nostro progetto, ed in particolare l’allestimento degli spazi all’aperto, dando la possibilità a chiunque di poter contribuire scegliendo come ricompensa alcune proposte culinarie de La Follia ed ovviamente le nostre proposte artistiche.  

Abbiamo già superato il 50% della somma e siamo convinti che, grazie al vostro aiuto, riusciremo a portarla a buon fine!

Iscriviti al gruppo Facebook Le Bal Rital – Segui La Caravane Ritale su Facebook


Hai bisogno di una mano con il tuo progetto musicale? 

Scopri i nostri servizi 

 

Contattaci

VERSO WOMEX 2021

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è telechargement-1.pngWOMEX – L’Expo mondiale della World Music si svolgerà quest’anno a Porto. Dopo un’edizione 2020 online, siamo tutti fiduciosi che possa effettivamente succedere dal vivo. Qui alcune informazioni utili.


COSA

WOMEX – L’Expo mondiale della filiera della World Music si svolge ogni anno a fine ottobre in una città europea. Il programma di quattro giorni include:

  • fiera espositiva con decine di stand, 
  • incontri professionali e sessioni di networking,
  • programma di conferenze, di film, e più di 60 concerti (showcase festival)
  • cerimonia di apertura che mette in rilievo il paese di accoglienza
  • cerimonia di premiazione (migliore artista, etichetta, ecc.) per concludere l’evento.

Sono circa 5000 persona che si ritrovano per l’Expo ogni anno, tra personale, tecnici, artisti e operatori della filiera.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tradefair_womex19_by_yannis_psathas_540x360.jpg               Photo: Yannis Psathas

Le varie edizioni del WOMEX si sono tenute dal vivo. Solo nel 2020, come molti eventi, gli organizzatori sono stati costretti a organizzare l’evento online

DOVE

Dal 1995, le città ospitanti sono state: Berlino, Bruxelles, Marsiglia, Stoccolma, Rotterdam, Essen, Siviglia, Newcastle, Copenaghen, Salonicco, Cardiff, Santiago de Compostela, Budapest, Katowice, Las Palmas e Tampere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è registration_now_for_big_74188.jpg

L’edizione 2021 si svolgerà a PORTO, una città che crede e investe nelle industrie creative e culturali, vanta una una lunga storia, offre molte attrazioni turistiche e un’eccitante vita notturna. Porto è anche una città della musica dove tutti i generi musicali sono di casa, dalla musica tradizionale a quella classica classica, dal rock e pop all’elettronica, dal jazz alle nuove musiche urbane.

Musica dal vivo, mostre, bar, caffè, ristoranti, musei, grandi e piccoli eventi hanno fatto di Porto una città che viene considerata oggi come una delle migliori destinazioni turistiche e culturali in Europa, rendendola un perfetto ospite per WOMEX 21.

La fiera espositiva sarà ospitata presso il Centro Congressi Alfandega, nel centro storico della città. I concerti serali, il programma dei film, le cerimonie di apertura e premiazione, ecc. si svolgeranno in varie club e teatri della città. Per maggiori dettagli vedi qui.

Per maggiori informazioni sulla città, visita Scopriporto

QUANDO

27-31 ottobre, 2021

TABELLA DI MARCIA

  • Aprile:  Apertura iscrizioni per i partecipanti (operatori, media, ecc.)
  • Giugno/Luglio:  Annunci dei vari programmi (risultati delle selezioni)
  • 25-27/10: Installazione stand 
  • 27/10: Registrazione e accesso allo spazio espositivo per gli operatori
  • 27/10: Cerimonia e concerto di apertura  Porto Refolk Express
  • 28-30/10:  Fiera: OrariMappa 
  • 28-30/10: Conferenze | Film  | Concerti  (i programmi saranno aggiornati a partire di giugno/luglio)
  • 31/10: Premiazione (Womex Awards) 

COME ARRIVARE

L’aeroporto Francisco Sá Carneiro si trova a 15 km dal centro città (20 min. di macchina), dista circa 3 ore in media dalle principali città dell’Unione Europea, e ha più di 110 destinazioni regolari coperte da 30 compagnie aeree. Chi viaggia con TAP, la compagnia ufficiale, ha diritto a 15% di sconto con il codice WOMEX.

Puoi raggiungere facilmente il centro città con la metropolitana. La linea E parte ogni 20 o 30 minuti, a seconda dell’ora e del giorno della settimana, e impiega circa 30 minuti per la stazione di Trindade (centro città). Il biglietto Andante necessario può essere acquistato presso le biglietterie automatiche nella stazione della metropolitana. Il biglietto occasionale (Z4) costa 2 € ed è valido per 1 ora e 15 minuti ed è anche ricaricabile. Si può anche comprare biglietti di 24  o 72 ore.

In aeroporto è disponibile anche una vasta gamma di navette che effettuano collegamenti con il centro città. In costo della corsa in taxi costa tra 20€/25€.

DOVE DORMIRE

Attraverso il partner di WOMEX in Porto, sono disponibili alcune offerte scontate. Vedi qui.

Chiaramente ci sono molte altre possibilità in città (AirBnB, Booking, ecc.).

PRESENZA ITALIANA

Negli anni precedenti, la presenza italiana è stata facilitata dalla Italian World Beat e Puglia Sounds

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è stand.png

Per la presente edizione, aspettiamo a molto breve maggiori informazioni da Italia Music Export – SIAE  (stand unitario – codice sconto).


WOMEX 2021


FAQ

COVID – Digital Green Certificate

Link utili

Sito ufficiale | Facebook | Instagram | YouTube | VirtualWomex


Ti serve una consulenza per il tuo progetto musicale? 

Hai bisogno di un coach per prepararti al WOMEX e darti una mano durante l’edizione 2021? 

Parla con noi!                        Vedi le nostre altre  offerte. 

 

Contattaci

IL PROGETTO TREMOLO DI COOPERAZIONE EUROPEA: NE PARLIAMO CON LUCA RECUPERO

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è unnamed.jpgLa cooperazione europea tra i vari attori della world/folk music, e più in generale della cultura, non è più un optional. Che si tratti di mobilità, di scambio di informazione e esperienza, di buone pratiche, ecc. la collaborazione tra varie categorie di attori porta in se un grande potenziale. Accanto a progetti ambiziosi come la European Folk Network, c’è chiaramente anche la necessità di implementare  progetti di piccole e medie dimensioni  come nel caso del progetto TREMOLO di cui parliamo oggi con Luca Recupero


In breve, ci puoi dire cos’è il progetto tremolo?

TREMOLO (acronimo musicofilo per Trans-European Music Organizations Linked Organically) è un progetto di cooperazione nato dall’incontro di tre associazioni che si occupano di musica in Italia, Ungheria e Serbia, e che grazie al contributo di Europa Creativa costruiscono un legame organico tra piccoli festival di musica tradizionale e world music, con l’obiettivo principale di favorire la circolazione internazionale di giovani musicisti, ma anche di valorizzare le tradizioni musicali delle zone rurali e periferiche in quanto patrimonio immateriale, e il contributo che queste possono dare alla creazione di una nuova e inclusiva identità culturale Europea.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tremolo.jpg

Chi sono i partner di progetto? Quali sono i loro rispettivi ruolo nel progetto?

I tre partner del progetto (che nasce nel 2018 ma viene approvato solo nel 2020) sono lAssociazione Musicale Etnea (AME), storica organizzazione concertistica di Catania, l’associazione CSIPERO “Future of Europe International Children and Youth Meeting” di Kecskemet in Ungheria, che fa da capofila, e il collettivo di giovani artisti Wemsical di Kanjiza in Serbia.

Ognuno dei tre partner cura da anni un piccolo ma significativo festival organizzato rispettivamente alla fine di giugno a Catania (Marranzano World Fest – MWF), a metà luglio a Kecskemet (Csipero Youth Festival) e a metà agosto ad Orom (Malom Fesztival).

Quali attività prevede il progetto? Quali sono i risultati attesi e come pensate di disseminarli?

La direzione artistica di ogni festival sceglierà (tramite una OPEN CALL che sta per concludersi) un@ giovane artista o gruppo emergente proveniente alla propria regione, che abbia già iniziato a costruirsi una nicchia di pubblico a livello locale, e che possa utilmente mettere a frutto le esperienze internazionali che il progetto gli metterà a disposizione: tre ingaggi per concerti retribuiti nei tre festival organizzati dai partner, che saranno anche l’occasione per tre brevi residenze artistiche durante le quali le/i giovani musiciste/i dei tre gruppi potranno conoscersi, provare e lavorare insieme alla creazione di nuovi brani musicali e di uno spettacolo congiunto che sarà documentato, ripreso e portato in tour presso una rete allargata di partner associati in Francia, Germania e Polonia.

Visto che la pandemia riduce la mobilità transnazionale e esige speciali misure di sicurezza, come pensate regolarvi?

Naturalmente la pandemia sta mettendo a dura prova, tra mille altre cose, proprio la mobilità internazionale degli artisti, il che rende ancora più necessaria ed entusiasmante la scommessa che era già implicita in questo progetto. Grazie all’impegno comune delle tre associazioni speriamo di portare comunque a termine il programma di concerti e residenze previste dal progetto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è wemsical.jpg

La necessaria ed opportuna osservanza delle normative nazionali ed internazionali per il contrasto alla pandemia sta naturalmente incidendo sui costi del progetto (ad esempio per i tamponi regolari che potranno consentire ai gruppi selezionati di lavorare in sicurezza) e ci sta obbligando a modificare in parte il programma delle attività previste (come un ciclo di workshop e seminari di approfondimento sulle tecniche e i mestieri dell’industria musicale internazionale che purtroppo sembrano destinati a saltare).

Non siamo ancora sicuri che i festival in programma si potranno effettivamente svolgere in presenza di pubblico. In caso contrario saremo costretti a ricorrere alle trasmissioni in diretta streaming, che naturalmente rappresentano l’ultima spiaggia, ma consentirebbero comunque ai partner di portare avanti il progetto, ed ai giovani musicisti di viaggiare fisicamente attraverso l’Europa per incontrarsi e per dare vita a qualcosa di nuovo che sia il frutto di un lavoro comune.

Quali sono le prime attività che si svolgeranno in Italia/Sicilia?

Come già accennato, tra pochissimo c’è la scadenza per la candidatura di artisti e gruppi, e la selezione si concluderà il 15 maggio con l’annuncio dei gruppi e musicisti selezionati. Da quel momento ci saranno solo 6 settimane prima dei primi concerti e della prima residenza che sarà proprio in Sicilia, in occasione del Marranzano World Fest che stiamo organizzando a Catania e dintorni nell’ultimo fine settimana di giugno.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è maranzanofest.jpg

Come siete riusciti a co-finanziare il progetto, visto che il contributo UE copre solo un massimo del 60% dei costi totali del progetto?

Noi a Catania possiamo godere dei contributi che l’AME riceve dal Ministero della Cultura e dalla Regione Siciliana per la propria attività concertistica, e speriamo di integrare con gli introiti dalla vendita di biglietti e abbonamenti per il MWF. Ognuno dei partner deve provvedere per una propria significativa quota di co-finanziamento. Naturalmente questo è un impegno reso molto più complesso dalla situazione pandemica, che incide in modo diverso in ogni paese. Qualora non sia possibile tenere i concerti in presenza, non escludiamo di lanciare una campagna internazionale di crowdfunding per garantire gli impegni finanziari e per sostenere il lavoro dei giovani musicisti.

Come il pubblico può seguirvi? 

E’ già online un primo nucleo del sito ufficiale www.tremoloproject.eu, che ospita tutte le informazioni necessarie e il modulo online per la partecipazione alla Tremolo Open Call for Musicians.

Sono stati da poco attivati anche pagine e profili social su InstaGram e Facebook per costruire e rafforzare una crescente “community” internazionale che sta nascendo dall’incontro tra i sostenitori e gli aficionados dei tre festival, delle musiche di tradizione orale e della musica folk e world in Europa.

SEGUITECI !!!

Faremo di tutto perché il progetto TREMOLO rappresenti una luce in fondo al tunnel nel quale la pandemia da COVID-19 ha costretto il mondo della musica dal vivo.

www.facebook.com/TremoloProject

www.instagram.com/tremolo.project

tremoloproject@gmail.com

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mobolita.jpg


Ti serve una consulenza o servizi di coaching per il tuo progetto musicale?

Vedi le nostre offerte. 

 

 

Contattaci

FOLKSTOCK: IL PRIMO MAGGIO DELLA WORLD/FOLK ITALIANA

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è folkstockad.jpgFOLKSTOCK 2021 – Annunciati i primi ospiti del “primo maggio” della folk e world music italiana. Una tre giorni organizzata da IT-Folk per celebrare la vitalità di una filiera culturale e produttiva che rappresenta l’anima e la diversità dei nostri territori 


Si fa sempre più ricco il programma dell’appuntamento organizzato da IT-FOLK per il fine settimana del 1 Maggio con una tre giorni dedicata alla Folk e World music italiana. 

Il coordinamento lancia i primi ospiti, annunciando tra gli altri di: Francesco “Fry” Moneti, Sud Sound System, Mascarimiri, I Beddi, il Parto delle Nuvole Pesanti, Antonio Petronio, Piero Brega, La Macina, I Lautari, Parafonè, Vincenzo Danise, Li Ucci Orchestra, Nuju, Mute Terre, Compagnia Aria Corte, Massimo Ferrante, E’Zezi, Stefano Saletti, Davide Campisi, Calabria Orchestra, QuartAumentata, Yo Yo Mundi, Francesco Loccisano e Marcello De Carolis e dall’Australia i SANTA TARANTA. Tanti altri artisti si stanno anche muovendo per partecipare. 

>> Leggi comunicato stampa del 28 aprile

Un altro grande annuncio svela il “testimonial”  dell’evento, il “summastro” OTELLO PROFAZIO già Premio Tenco alla carriera 2016 e grande esponente della canzone folk e popolare d’Italia. Con oltre 50 anni di carriera, parliamo di un cantastorie ipnotico, un mattatore del palcoscenico, attuale come non mai, ricercatore della tradizione ma anche cantautore a tutti gli effetti. Per essersi distinto nell’ambito della musica, Profazio ha anche ricevuto il Premio Internazionale Medaglia d’Oro Maison des Artistes. “Otello – affermano Giuseppe Marasco e Enrico Capuano (i due coordinatori dell’evento) – è davvero la ciliegina sulla torta,  un simbolo,  un patrimonio unico per tutti gli artisti di oggi”. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è folkstock.jpg

FOLKSTOCK, partito come evento inserito nella ricorrenza del PRIMO MAGGIO e simbolo di resilienza e di sensibilizzazione sui diritti dei lavoratori dello spettacolo, diventa oggi occasione importante per ribadire la necessità di sostegni per il mondo della cultura e dello spettacolo dal vivo e per tutti i suoi addetti, in particolare per le piccole realtà legate alla musica dei nostri territori e alla nostra cultura identitaria. 

FOLKStock riprende volutamente il nome di WOODSTOCK, il leggendario evento americano che, dopo oltre 50 anni, rimane un simbolo di pace, musica, avanguardia e resistenza culturale e sociale. 

FOLKStock prevede una tre giorni online dove la world & folk music italiana si da appuntamento attraverso un percorso geografico con tanti artisti che parleranno della loro esperienza e ci faranno ascoltare la loro musica. Un viaggio attraverso i festival folk, world, etno, folk-rock e simili di tutta Italia con uno sguardo anche all’Europa e al Mondo. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è logo.pngL’evento si svolgerà online sulla pagina facebook di “Musica Popolare Italiana”, il grande portale che promuove l’Italia attraverso la sua musica tradizionale.

Siamo davvero felici – afferma Enrico Capuano – che un’importante realtà che punta alla valorizzazione e alla promozione non solo degli artisti e della musica dei territorio ma anche al valore identitario e attrattivo della provincia italiana, abbia accettato di collaborare in modo costruttivo e propositivo con tutti noi artisti attanagliati da questo momento davvero difficile”. IT-FOLK ringrazia per questo New Media Farm, società di editoria digitale specializzata nella promozione territoriale attraverso tematismi culturali. 

La nuova iniziativa arriva dopo altri successi del coordinamento IT-FOLK, come la partecipazione della nostra realtà a RAINBOWFREEDAY nel Gennaio 2021, l’uscita della compilation che ha segnalato oltre 30 artisti da tutta Italia e la conferma del buon lavoro svolto in questi anni con l’inserimento delle realtà folk/world all’interno del “tavolo permanente dello spettacolo” del MiC (Ministero della Cultura).

Per info  itfolk@libero.it 

 


Ti serve una consulenza o servizi di coaching per il tuo progetto musicale?

Vedi le nostre offerte. 

 


 RIVEDI LE PUNTATE DI FOLKSTOCK 2021

Presentazione con Enrico Capuano, Giuseppe Marasco e Otello Profazio

Puntata 1 (31 aprile) | Puntata 2 (1 maggio) | Puntata 3 (2 maggio)

LINEATRAD: NE PARLIAMO CON LORIS BOHM

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagine11.jpgNel mio lungo viaggio alla scoperta degli attori della filiera folk/world italiana, poche settimane fa mi sono soffermato su una rivista professionale che non conoscevo: Lineatrad. Così mi sono messo in contatto con il principale protagonista, Loris Böhm, direttore di Lineatrad Television, che mi ha gentilmente introdotto alla storia della rivista, la sua “filosofia”, il suo pubblico, ecc.


Cos’è Lineatrad? Com’è nato ? Quando è nato? Chi sono i protagonisti? 

Esiste una genesi e un percorso di maturazione. Nel 1985 è nata a Genova un’associazione chiamata Traditional Arranged di cui ero segretario e membro fondatore con scopo organizzare concerti di musica folk-celtica nel giro della federazione Folkitalia di Paolo Nuti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lineatrad-copia.png

Con la morte di Paolo e la fine di Folkitalia, si sciolse anche Traditional Arranged, ma nel 2002 mi venne l’idea di creare la rivista “Traditional Arranged”, come completamento e in antagonismo alle storiche riviste Folk Bulletin (di cui ero stato membro della redazione a cavallo degli anni ’80 e ’90) e World Music.

Il progetto si è concluso nel 2004 a causa della difficoltà a distribuire in edicola a livello nazionale, e per gli elevati costi di gestione: la stampa in quadricromia su carta pregiata e la tiratura di sole 4.000 copie erano insufficienti per coprire le spese, il mondo poi si stava evolvendo verso una digitalizzazione su internet a cui non eravamo preparati.

A quel punto l’impresa a fini di lucro non aveva più senso per noi, e siamo ripartiti a gennaio 2012 in formato blog. Lineatrad è stata la naturale evoluzione in chiave moderna di quella rivista, ma a differenza di altri blog su internet, con una periodicità mensile e un formato elettronico sfogliabile di rivista con pagine pdf stampabili come se fosse una vera rivista cartacea.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagine4.png

In perfetto stile Genova, anticipando di molti anni le “semplificazioni” del ponte Morandi, ci siamo ritagliati uno spazio editoriale privo di burocrazia, certificazioni, registrazioni e costi inutili e insostenibili per dar spazio alla trasparenza, correttezza di informazioni, velocità nella comunicazione, che sono alla base del nostro lavoro che naturalmente è senza fini di lucro e senza una vera contabilità.

Esistiamo solo con l’autofinanziamento di ogni collaboratore che crede nel progetto. Da subito l’iniziativa ha avuto successo tra gli appassionati, i musicisti e gli addetti ai lavori e Lineatrad è diventato il punto di riferimento “no-look” di chiunque operasse o semplicemente frequentasse il mondo della musica folk e derivata, calamitando l’attenzione del pubblico attraverso semplici e veloci iniziative editoriali.

Io sono il fondatore e i “perni” base sono Agostino Roncallo (già nell’associazione del 1985) e Giustino Soldano, mentre il mio vice è Tommaso Giuntella (giornalista RAI), che però non ha molto tempo da dedicarci per ovvi motivi. La nostra rete esterna di collaboratori e agenzie è piuttosto fitta e variabile a seconda delle disponibilità di ognuno. Questa formula funziona bene.

Cosa ci puoi dire della vostra linea editoriale? Scadenza? formato?

Partendo per logica partiamo dalla musica folk e tradizionale, esploriamo tutto quel meticcio (non mi piace parlare di musica contaminata), che crea sonorità moderne e gradevoli. Adesso siamo ad uscita mensile, ma l’anno scorso abbiamo sperimentato, per sfidare la pandemia, la cadenza quindicinale. Probabilmente eravamo l’unica rivista di musica folk al mondo con quella periodicità! Quando torneranno gli spettacoli dal vivo ritorneremo bisettimanali. Il formato è un 21×28 stampabile su foglio A4.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagine2-1.png

Di grande rilevanza è il settore “video” di Lineatrad Television. Per colpa della pandemia e della conseguente massificazione dell’uso degli streaming su Fb, e della mancanza totale di eventi dal vivo, ci siamo fermati, ma nel palinsesto di lineatrad.eu sono fruibili 269 filmati tra concerti, interviste, audio-recensioni, servizi e notiziari.

Quale è il vostro pubblico target? 

La rivista si legge gratuitamente, per cui non abbiamo una formula di abbonamento, allora è molto difficile conoscere il numero preciso di lettori. Ci leggono da ogni parte del mondo, e abbiamo una mailing list di oltre cinquecento indirizzi di fedelissimi a cui si aggiungono tantissimi lettori occasionali, quantificabili a 10.000 circa per ogni numero di rivista.

Quali sono i contenuti più popolari?

In ordine di preferenza, i nostri lettori gradiscono le recensioni, i reportages dai festival (quando si fanno), e le interviste alle “folk-star”.

Quali sono i vostri partner?  In Italia? All’estero?

Abbiamo una formula di partenariato regolata da contratto di mutua assistenza per quanto riguarda i festival. Chiaramente in questo periodo minato dalla pandemia siamo più flessibili e comprendiamo le difficoltà che costringono gli organizzatori ad annullare o ritardare l’edizione annuale, ma attualmente sono dieci in attività e sei in attesa di ripartire. Per ora sono 10 in Italia, 4 in Francia, 1 in Scozia, 1 in Finlandia.

Nostri partner sono anche molte etichette discografiche, agenzie di spettacolo e promoter.

Quali sono le sfide maggiori nel portare avanti il vostro progetto? 

Sicuramente, in campo editoriale, garantire un’uscita quindicinale, è la sfida più attuabile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagine3.pngLa sfida più difficile è riuscire a tornare in pista con Lineatrad Television, a patto che finisca la tendenza dei musicisti di auto-promuoversi bypassando il nostro servizio. Dopotutto non ci sembra un’idea così assurda centralizzare il servizio di promozione su Lineatrad per usufruire di una rete globale di appassionati, considerando che ogni artista sul proprio canale Facebook o Youtube può contare solo sulla sua ristretta cerchia di amici. Basterebbe che ci affidassero il video di loro produzione, senza spese aggiuntive. 

Come siete finanziati?

Siamo orgogliosi di affermare che siamo gli unici a poter contare solo sui nostri mezzi. Niente crowdfunding, niente sottoscrizioni, niente abbonamenti e niente offerte libere. Forse è un limite, ma è anche la nostra forza. Basta pensare a tutte quelle celebri testate giornalistiche musicali che vantavano un grosso giro di denaro, di dipendenti, fallite in questi ultimi anni.

Come vivete la crisi del Covid-19?

Viviamo con i problemi e i contrattempi in cui ogni nostro collaboratore potrebbe incorrere. Mentre la rivista prosegue senza intoppi, la televisione, come abbiamo detto, s’è fermata a causa del proliferare di streaming autogestiti sui social, e di videoconferenze a circuito locale che hanno vanificato il nostro lavoro. La gente non ha capito l’importanza e la praticità del nostro servizio.

Per il resto citerò un mio pensiero pubblicato sul sito:

“Noi non abbiamo nella nostra redazione giornalisti (o scrittori freelance) che ci lavorano a tempo pieno. Non li avremo mai. Abbiamo un gruppo di persone appassionate che hanno tanti altri impegni, lavorativi e familiari: queste persone ogni tanto si accendono quando possono contribuire a Lineatrad, e ogni tanto si spengono per cause esterne… esattamente come fanno le insegne pubblicitarie o gli alberi di Natale… e producono un caleidoscopio affascinante di luci che non ha fine, si rinnova in continuazione. Oggi tocca a voi che avete letto questo messaggio, decidere se sarete le prossime lampadine”.

Come vedete il futuro della musica world/folk italiana?

L’esperienza ci insegna che non saremo né noi, né altri media più griffati, a scrivere il futuro della musica world/folk italiana, sia essa positiva o negativa. In Italia funziona un meccanismo che purtroppo è impossibile disinnescare: ognuno cura esclusivamente il proprio orticello per i benefici che ne può trarre. L’ho sperimentato molte volte sulla mia pelle. Persone che stimavi, promuovevi, che ti mollano appena trovano qualcuno che li “spinge” maggiormente. La scarsa fidelizzazione è una regola globale che vale per tutti, a cui mi sono abituato, ma non condivido. Sono tra i pochi che avrebbe voluto credere nell’amicizia senza finalità recondite. 

Detto ciò, sono sicuro che, nel bene e nel male, il futuro sarà esattamente quello che i protagonisti desiderano, fatto salvo che per “protagonisti” intendo i lavoratori professionisti, non chi ci lavora per passione come me e Lineatrad.

Quali sono i vostri obiettivi per il 2021/22?

Avere coerenza con il passato, avere consapevolezza del presente, e dulcis in fundo, continuare a creare quelle diversità che ci distinguono da tutti gli altri organi di informazione. Aspettatevi delle sorprese!

Dove e come potenziali utenti possono trovare la rivista? È possibile registrarsi alla mailing list?

La rivista si trova su www.lineatrad.com, da sfogliare online oppure da scaricare in formato pdf per archiviarla e stamparla, tutto gratis naturalmente.

Esiste un format nella pagina “Contatti” per poter essere inseriti nella mailing list. Le comunicazioni comunque riguardano solo eventi straordinari.

Per quanto riguarda i video, invece, si possono vedere esclusivamente accedendo a www.lineatrad.eu nella pagina “Palinsesto“, gratis naturalmente. 

 


Ti serve una consulenza o servizi di coaching per il tuo progetto musicale?

Vedi le nostre offerte. 

 

 

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito