MUSIC EXPORT MANAGEMENT: DI COSA PARLIAMO.

export

MUSIC EXPORT MANAGEMENT

Per Music Export Management s’intende la progettazione e l’implementazione di una serie di attività che mirano a facilitare la preparazione e la gestione del processo di internazionalizzazione di un progetto musicale, ossia la diffusione su mercati esteri di un artista, del suo brand e delle sue produzioni per le seguenti finalità:

  • Raggiungere nuove udienze
  • Acquisire una notorietà internazionale
  • Vendere i tuoi prodotti/servizi
  • Sviluppare collaborazioni con partner stranieri.

Suonare in tutto il mondo e prodursi all’estero è il sogno di molti artisti. Rappresenta senza dubbio un’opportunità in termini di immagine e notorietà, di crescita personale e di guadagni. Può però anche comportare dei rischi. L’internazionalizzazione del tuo progetto musicale richiede degli investimenti (energia, tempo e risorse) che non sempre portano dei risultati – soprattutto all’inizio. Una buona preparazione e pianificazione, l’assistenza tecnica di una persona più esperta o con un’esperienza pregressa possono fare la differenza.  

UFFICI PER L’EXPORT DELLA MUSICA 

Per aiutare le imprese, gli operatori e gli artisti sono nati gli Music Export Offices o Uffici per l’export della musica. Sono delle strutture private o pubbliche, o un mix dei due, che s’impegnano a sostenere i progetti d’internazionalizzazione della musica offrendo vari servizi.

In Europa esiste ormai da qualche anno una rete di 28 uffici regionali e nazionali che collaborano insieme in ambito della European Music Exporters Exchange per facilitare la circolazione della musica a livello europeo ed extraeuropeo, e per aiutare le imprese, gli operatori e gli artisti. Sono importanti fonti d’informazione.

ITALIA MUSIC EXPORT

In Italia, l’ufficio che offre vari servizi agli operatori e artisti italiani per la promozione all’estero si chiama Italia Music Export-SIAE. Inoltre, serve da punto di contatto e riferimento per chi, all’estero, vuole saperne di più sull’industria musicale italiana. L’ufficio mette a disposizione di giornalisti o rappresentanti dell’industria musicale estera vari strumenti: contenuti editoriali in inglese, un industry database, una newsletter, canali social e playlist curate. Presente in tutti i maggiori showcase festival del mondo, l’ufficio organizza anche incontri mirati per mettere in contatto operatori italiani ed esteri.  

Per gli artisti e operatori italiani, Italia Music Export offre opportunità di finanziamento per tour, attività di promozione, partecipazione a showcase festival e viaggi di lavoro. Nelle maggiori città italiane, organizza workshop formativi gratuiti per chi vuole imparare l’abc del music export.

Puglia Sounds, che è una struttura istituita dalla Regione Puglia, si occupa da circa 10 anni della promozione all’estero dei propri progetti artistici e musicali e dei propri artisti. Invece, per quanto riguarda la World Music italiana, è nata nel 2017 la Italian World Beat per promuovere la filiera in modo unitario nell’ambito di fiere e reti professionali e di showcase festival come il Womex, Visa for Music, Babel Music, ecc.

MUSIC EXPORT READINESS

La “prontezza all’export” é quello che ti permette di lanciare il tuo progetto in nuovi mercati con una certa preparazione. Improvvisare ha un suo fascino. Tuttavia quando ci sono in gioco investimenti vari è sempre meglio evitare. Il successo di un progetto di internazionalizzazione, sia nel settore musicale sia in qualunque altro settore, non può quindi prescindere dalla valutazione dell’idoneità del progetto o dell’impresa, valutandone la prontezza all’export in termini di competitività e risorse. In particolare, appare fondamentale una corretta valutazione con riferimento alle seguenti aree tematiche:

  • posizionamento sul mercato domestico;
  • strategia aziendale;
  • processi di innovazione;
  • motivazioni per l’internazionalizzazione;
  • conoscenza mercati esteri;
    commitment del management;
  • potenzialità prodotto/servizio;
  • competenze professionali.

TEMPORARY MUSIC EXPORT MANAGER

Il temporary music export manager è un consulente esterno che ti aiuta nell’elaborazione della strategia di internazionalizzazione del tuo progetto musicale. Affidarsi a qualcuno che possa aiutarti a creare la strategia giusta e a costruire la rete dei contatti che ti servono non è da sottovalutare. E’ facile commettere errori lavorando da solo.

Il temporary music export manager potrà anche aiutarti nelle fasi successive di implementazione. Non fa parte stabilmente del tuo organico e può lavorare per più artisti o clienti. E’ un freelance che ti da una mano per evitare di perdere tempo e risorse.

Ogni imprenditore (e artista) che desidera sviluppare le sue attività in nuovi territori deve avere una visione chiara di se stesso e di quello che vuole offrire. Il temporary music export manager lavora per aiutarti a posizionare il tuo brand e la tua musica sui mercati esteri, e a costruire le reti di contatti, promozione e vendita utili a tuo progetto.

Il lavoro di un temporary music export manager é molto simile a quello di un music export manager, ossia colui che lavora in un ufficio regionale o nazionale per l’export della musica. Tendenzialmente il temporary music export manager ha una maggiore flessibilità e conoscenza di territori specifici. Il suo modus operandi è più personalizzato al cliente. Di contro non ha una struttura istituzionale alle spalle e deve essere pagato.


Ti serve una consulenza per fare il punto sul tuo progetto e creare una strategia di promozione all’internazionale, parla con noi. 

 

Pubblicato da Eric E. van Monckhoven

Project Agent - Eco-social Consultant - Cultural Producer www.music4you.nu

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: