BABEL MUSIC XP 2021: INTERVISTA AL COORDINATORE

Articolo: traduzione intervista apparsa su Mapamundi Musica (agosto 2020) a cura di Araceli Tzigane

Babel Music XP è il nuovo appuntamento della world music mondiale a Marsiglia. Lo chiamiamo “nuovo” perché, nonostante abbia raccolto l’eredità di Babel Med Music, ha una nuova visione, un nuovo team e nuove ambizioni. Si svolgerà in due momenti: un incontro professionale dal 26 al 27 novembre e una fiera con concerti e festival di musica dal 25 al 27 marzo. Olivier Rey, del Dock des Sud, ha gentilmente risposto alle nostre domande.

Mapamundi Música: Cosa ha reso possibile questa rinascita?

Olivier Rey: Tanta energia e convinzione, un nuovo dialogo con i partner istituzionali e una nuova collaborazione con Zone Franche.

MM: Perché Babel Med Music si è fermato?

Olivier: Insieme a cambiamenti nel panorama politico, probabilmente c’è stata una mancanza di comprensione con il principale partner pubblico, la Regione Sud. Ne è risultato un taglio dei fondi dopo l’edizione del 2017. Penso che sia stata una brutta notizia per tutti. Infatti, nessuno si aspettava ad una decisione così drastica. Tanti sono rimasti sconvolti. 

Tuttavia, bisogna anche fare un minimo di autocritica. Forse l’evento non si era evoluto abbastanza. Nel 2005, Babel Med Music, come il Womex dall’altro, è stata una piattaforma importante per la promozione della world music mondiale. In 14 anni, abbiamo assistito ad un rafforzamento della filiera, sono nati altri incontri professionali, e anche la musica è cambiata, sia dal punto di vista creativo, degli strumenti, dei modelli di business, dei spettacoli dal vivo, dell’interazione tra artisti, operatori e pubblico. Babel Med Music è stato strumentale nel tenere sotto un unico tetto i vari componenti della filiera (e vogliamo continuare a mantenere la dimensione umana che si era creata), ma dobbiamo anche riprogettarci nel futuro tenendo conto dell’evoluzione dell’industria musicale e del contesto generale.

La nostra ambizione è quella di ritornare ad essere una piattaforma internazionale e una piazza per la promozione degli scambi musicali nel Mediterraneo. Vogliamo anche che l’impatto economico della filiera sia riconosciuto e valorizzarne alcuni aspetti sociali, come il ruolo delle donne, la responsabilità ambientale, ecc.

Devo dire che, oggi, le discussioni sono molto più placate con la Regione Sud, che ci sostiene in questa nuova direzione. Questo passaggio nelle relazioni con partner pubblico è stato fondamentale.

MM: Da Babel Med Music siete passati a Babel Music XP. C’è una ragione “trascendentale”? Qual è il significato di “XP”?

Olivier:  Guardare al futuro non significa dimenticare il passato. Andiamo orgogliosi dell’eredità lasciata da Babel Med Music che per molti operatori della filiera è anche legata alla sua location a Marsiglia. Però vogliamo proporre una nuova esperienza (“XP”), in sintonia con l’evoluzione e la diversità delle esperienze musicali.

MM: Avete chiuso la call per gli artisti (showcase festival). L’evento manterrà la stessa linea artistica? Babel Med Music dava molto spazio a proposte provenienti da aree del mondo storicamente legate alla Francia. Ma non ignorava neanche il resto del mondo. L’offerta era molto variegata, da performance acustiche o d’ispirazione tradizionale a proposte di contaminazione con formati più elettrici. Questa scelta verrà mantenuta?

Olivier: Sì, dalla musica acustica a quella digitale, vogliamo proporre un’istantanea della world music attuale. Passato, presente e futuro delle musiche del mondo è il nostro credo….in linea con la direzione artistica precedente aperta a tutti suoni del mondo.

MM: Potrei sbagliare perché non ho partecipato a tutte le edizioni del Babel Med Music e non ho i numeri in mano, ma mi sembra che Babel Med Music rappresentava essenzialmente le produzioni e gli operatori del mercato francese. Babel Music XP darà maggiore spazio a produzioni e operatori esteri?

Olivier: Storicamente, le produzioni presentate al Babel Med Music erano per il 50% francesi. Oggi, accogliamo proposte da tutta l’Europa, dall’Argentina, dai Caraibi, dal Nord Africa, da tutta l’area del Mediterraneo, dall’Oceano Indiano e dall’Africa francofona. Stiamo cercando di allargare la nostra rete di “ambasciatori” in modo di poter accogliere maggiori produzioni locali da tutto il mondo. Dobbiamo maggiormente impegnarci in questa direzione. 

MM: Chi sono i membri della giuria per la selezione degli showcase?

Olivier: Sono direttori artistici, programmatori di festival, giornalisti e artisti. Pubblicheremo l’elenco questo autunno. L’unica cosa che posso dire oggi è che a guidare le danze è Gilles Peterson,  un eccezionale cacciatore di teste con un’esperienza di DJ, produttore discografico, fondatore di etichette, uomo di radio (BBC6), ecc.

MM: Cosa succederà nella pre-edizione a novembre? Se l’attuale situazione della pandemia non permettesse che andasse tutto come previsto, hai un piano B?

Olivier: L’appuntamento di novembre sarà molto legato alla situazione creata dalla crisi sanitaria. Vuole essere un’opportunità per riunire gli operatori del settore, un invito a confrontarsi per immaginare e progettare nuove collaborazioni in un contesto storico molto particolare. Non ci saranno stand: solo alcuni incontri professionali e qualche concerto. A marzo invece, saranno presenti tutti gli ingredienti che hanno caratterizzato il Babel Med Music: la fiera, gli stand, le agora, gli incontri tra operatori e una trentina  di concerti aperti sia ai partecipanti che al pubblico.

MM: Quali sono i prossimi passi e la tempistica ? Come fa la gente a registrarsi per novembre o per marzo? Quando sarà pubblicata la selezione ufficiale degli Showcase? Ecc.

Olivier: Maggiori informazioni saranno disponibili a partire da settembre. Per i risultati della selezione, direi di aspettare fino a novembre o ai primi di dicembre (1).

(1) Parlano dei “primi di gennaio” sul sito ufficiale


Lo sapevi? E’ uscita la nostra mini-guida “Scopri il mondo degli showcase festival”. Gli showcase festival e incontri professionali ti offrono l’opportunità di dare maggiore visibilità al tuo progetto e contribuiscono a far crescere la tua lista di contatti. Puoi scaricare la guida gratuitamente seguendo questo link.

     

 

Pubblicato da Eric E. van Monckhoven

Project Agent - Eco-social Consultant - Cultural Producer www.music4you.nu

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: